COME ARREDARE CASA IN STILE MINIMAL CHIC

Ti capita mai di tornare a casa e voler essere altrove?

Hai invitato degli amici per un aperitivo e l’unico pensiero che ti stressa è doverli ricevere in una casa impresentabile?

Se sei una di quelle persone che non sopportano la vista del salotto sottosopra e vorresti soltanto rilassarti e goderti un momento tutto per te, o invitare degli amici senza vergogna, allora lo stile minimal chic fa al caso tuo.

Se non sai da dove cominciare per fare dei cambiamenti in casa, segui questi 7 accorgimenti e trasformerai la tua casa per sempre!

REGOLA 1
GEOMETRIE LINEARI

Le pareti curve o gli arredi eccessivamente tondeggianti, con troppi decori o intarsi, sono assolutamente da evitare.

Scegli invece linee rette e perpendicolari, superfici lisce e uniformi.

Le stanze devono essere il più possibile regolari, rettangolari, non troppo strette né troppo lunghe e senza frastagliature, come per esempio colonne che spuntano in mezzo ad una parete ma, se dovessi averne, sfruttale per creare delle nicchie con mensole, vedrai che il risultato sarà sorprendente!

Uno spazio minimal non vuol dire noioso, triste, ma è invece semplice, essenziale, funzionale, arioso, proprio per far riposare la vista e la mente dagli eccessi del mondo esterno.

Una casa minimalista deve infondere armonia, calma, relax, e se ciò non accade, significa che c’è qualcosa di sbagliato nella composizione interna degli spazi, dei mobili e degli oggetti oppure vuol dire che lo stile minimalista non è proprio adatto a te!

 

REGOLA 2
POCHI MATERIALI

Non è facile, ma bisogna ricordarsi di non eccedere nell’utilizzo di materiali diversi, e comunque è importante che abbiano tonalità che si accostano tra loro per evitare un effetto sgradevole alla vista e anche un gran mal di testa!

Per esempio un bellissimo materiale che sta tornando in voga è il marmo bianco, con quelle venature un po’ grigie o un po’ tortora, si accosta divinamente con il vetro e alcuni dettagli dorati, che gli conferiscono quel tocco di raffinatezza.

Prova anche ad accostarlo con il legno, per smorzare quell’effetto “freddo” che può conferire all’ambiente.

 

REGOLA 3
COLORI NEUTRI

In casa è fondamentale usare dei colori che siano rilassanti, con tonalità non troppo forti, ma più tenui e neutri possibile. Se proprio non vuoi rinunciare ad un colore particolare o eccentrico che ti piace, lo puoi utilizzare al massimo su un oggetto, una parete (o parte di essa, per esempio con una decorazione) e comunque sempre facendo attenzione all’accostamento dei colori scelti.

Per esempio il color acquamarina è uno dei miei preferiti e si sposa benissimo con il grigio perla, il tortora, o con il blu scuro.

Online si trova un’infinità di palette stupende per gli accostamenti di colori.

Quindi  non dimenticare di utilizzare un solo colore eccentrico, per esaltare un oggetto, una parete, un arredo, ma per il resto utilizza colori tenui.

Ora ti starai chiedendo “ma non posso usare il bianco?”.

Lascia che ti dica una cosa, non pensare che il bianco sia l’unica soluzione per uno spazio minimalista, anche se è una scelta possibile.

Le pareti bianche donano uno stile più moderno all’ambiente, quindi, se quello è il tuo scopo, allora è perfetto. Questo non colore ti può aiutare anche a metterne in luce un altro che, anche se chiaro, risalterà meravigliosamente. Ad esempio, se hai una parete di un colore chiarissimo, quasi impercettibile, avere le porte bianche ti aiuterà a valorizzarlo al massimo.

Se ti piacciono i colori scuri, devi stare attenta anche in questo caso: se preferisci le pareti scure, accertati che almeno il pavimento sia chiaro, o viceversa, altrimenti la stanza risulterà troppo buia e cupa.

 

REGOLA 4
ARREDI FUNZIONALI

I  mobili dal design minimalista sono quelli che non hanno troppe decorazioni e che permettono di contenere gli oggetti in modo ordinato, evitando di farsi sopraffare dai famigerati soprammobili.

Via libera quindi a mobili essenziali ma funzionali, con linee e materiali moderni. Ma il minimalismo dà spazio anche al vintage, purché rielaborato in chiave moderna.

Un antico tavolo o un’antica credenza della nonna anni ’50 a cui tieni tanto possono essere recuperati e portati a nuova vita, per un risultato invidiabile!

 

REGOLA 5
LA LUCE GIUSTA

Sfrutta più che puoi la luce naturale, filtrandola se preferisci anche con delle tende a pannello o a pacchetto, otterrai un effetto magico.

Non va però sottovalutato uno studio accuratissimo della luce artificiale.

Nei corridoi, nei bagni e nelle zone living, come il soggiorno e la cucina, prediligi i faretti a soffitto (non necessariamente incassati) o quelli a parete.

Sui tavoli l’ideale sono le lampade a sospensione che illuminano direttamente il piano dove si mangia o si lavora, mentre nelle camere da letto sono perfetti dei lampadari moderni in vetro trasparente o satinato.

Per illuminare ed allo stesso tempo arredare gli angoli bui e un po’ vuoti, l’ideale è l’utilizzo di lampade da terra.

 

REGOLA 6
TECNOLOGIA

Viviamo ormai in un’epoca dove è difficile sottrarsi alle innovazioni tecnologiche, che è lecito accogliere volentieri quando non opprimono la nostra esistenza.

La domotica sarà sempre più presente nelle nostre abitazioni, ormai è possibile connettere tutti gli elettrodomestici a un dispositivo centrale per controllare i consumi e non sprecare troppa energia, ma anche comandarli a distanza, quando si è fuori casa.

Perciò se sei un’amante della semplificazione, fai spazio alla connettività!

 

REGOLA 7
CURA NEI DETTAGLI

L’attenzione ai dettagli è il tocco di classe.

Se eviterai di scegliere con cura tutti gli arredi e di disporli in maniera funzionale tra di loro, non agiranno mai come tuoi alleati.

Non optare per troppi stili differenti, vintage o moderno che sia, non mischiarli, ne basta uno.

La ricercatezza dello stile è ciò che fa la differenza.

Ciò vale per tutto l’arredamento, poche cose ma di qualità.

Elimina tutte le cose inutili per far risaltare quelle più belle e davvero importanti per te, lascia sufficiente spazio tra i vari mobili e tra i vari oggetti sui ripiani, fai respirare la tua casa.

In questo modo sarà molto più facile avere una casa bella e ordinata, che non ti faccia impazzire dallo stress, nella quale trovi subito tutto quello che cerchi.

Vedrai che poi ne andrai estremamente orgogliosa!

Non cadere negli estremismi, l’ordine va bene quando ci semplifica la vita e ci fa stare bene, non il contrario!

Un trucco che posso suggerirti, al quale molte persone non danno importanza, è la scelta minuziosa dei quadri.  Se sarai in grado di sceglierli nel modo giusto, magari scegliendo un tema che li accomuni, ti trasformeranno la casa in una fantastica galleria d’arte!

 

Riassumendo, le regole basilari che ti permettono di avere una casa minimal chic sono queste:

  1. Geometrie lineari
  2. Pochi materiali
  3. Colori neutri
  4. Arredi funzionali
  5. La luce giusta
  6. Tecnologia
  7. Cura nei dettagli

 

Ricorda: praticità, sobrietà, eleganza.

Sì all’ordine, alla pulizia e all’essenziale.

 

Anche tu vuoi avere una casa più spaziosa ed elegante?

Scopri come fare spazio in casa semplificandoti la vita.

Clicca qui

 

2 Replies

  • Arianna ha detto:

    Ciao Francesca, complimenti per l’articolo sono regole che a breve provero’ a seguire dal momento che non sono un architetto e mi hanno chiesto di arredare in stile minimal chic un ufficio ubicato nel centro di Roma.Avresti qualche consiglio specifico da darmi visto che si tratta di un ufficio (non di una casa) in un palazzo elegante con il pavimento in parquet?Grazie.Arianna

    • casa minimalista ha detto:

      Ciao Arianna! grazie! Le regole per un ufficio non sono molto diverse da quelle che hai trovato nell’articolo. Qualche consiglio che può tornare utile nel tuo caso sicuramente è riguardo l’illuminazione della postazione di lavoro, che se possibile deve ricevere la luce naturale lateralmente, da destra se la persona è mancina, da sinistra se la persona scrive con la mano destra. Meglio evitare di dare le spalle alla finestra proprio per non coprire la luce. Per quanto riguarda l’illuminazione artificiale, è bene scegliere delle lampade che illuminano direttamente il piano di lavoro, meglio ancora se a led con un colore più bianco e neutro possibile. Ovviamente ogni caso vuole uno studio personalizzato, quindi se hai voglia scrivimi un messaggio nella pagina dei contatti e mandami delle foto dell’ambiente, così potrò darti dei suggerimenti più inerenti alla tua situazione! A presto! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.